Usi consapevoli e sostenibili dello smartphone

Scritto il 12 Maggio 2021

Gli smartphone sono elementi imprescindibili della quotidianità: bambini e adulti li utilizzano per svolgere le più disparate attività e ci è semplicemente impensabile passare una giornata senza avere un dispositivo mobile sempre a portata di mano. Fin da quando sono entrati nella nostra vita i telefoni cellulari, ovvero gli antenati dei moderni smartphone, tuttavia, c’è chi si preoccupa della loro sostenibilità non solo dal punto di vista ambientale, ma da quello sociale, umano e della salute di chi li utilizza. Fare un uso corretto di queste tecnologie è infatti indispensabile per garantire non solo la nostra sicurezza, ma anche quella degli altri la protezione dell’ambiente che ci circonda. Come si coltiva un rapporto sano con il proprio smartphone?

 

Usare lo smartphone responsabilmente sulla strada

Questa è senza dubbio la raccomandazione più importante e più urgente. Decine di migliaia incidenti sono causati ogni anno da distrazioni alla guida dovute all’uso di smartphone. Gesti apparentemente semplici e rapidi come controllare un messaggio o rispondere a una chiamata possono far distogliere lo sguardo dalla strada abbastanza a lungo da causare incidenti gravi o anche letali. Anche chi si sposta a piedi, tuttavia, dovrebbe sempre tenere d’occhio la strada e ciò che accade intorno. Se si desidera rispondere a un messaggio, controllare i social media o fruire di un contenuto multimediale, è importante fermarsi. Addirittura è stato calcolato che l’uso del cellulare abbassi la soglia dell’attenzione in maniera comparabile al consumo di alcol. Se si è “ubriachi” di notifiche, quindi, è bene non mettersi alla guida.

Cellulari e ambiente: mai buttare via il vecchio smartphone!

I rifiuti elettronici (il cosiddetto e-waste) sono fra i più inquinanti del mondo. Contengono metalli pesanti e molti altri materiali difficili da riciclare che, se abbandonati nell’ambiente, possono contaminarlo per secoli e causare gravissimi danni agli ecosistemi naturali. Questo senza contare le filiere spesso non sostenibili umanamente e socialmente dalle quali provengono. Se a questo si aggiunge l’obsolescenza programmata dei dispositivi elettronici, si ha la ricetta perfetta per un disastro ambientale di lungo periodo.  Per evitare di contribuire a questo fenomeno è importante sviluppare la consapevolezza delle conseguenze delle nostre scelte di consumo. Per esempio, è consigliabile utilizzare un dispositivo fino alla fine del suo ciclo di funzionamento, piuttosto che cambiare continuamente modello, nonché aggiustare se possibile i dispositivi guasti, piuttosto che sostituirli. Se ci si deve disfare di un vecchio smartphone, inoltre, è bene rivolgersi alle tante associazioni o istituzioni che possono ritirarlo e smaltirlo in maniera sostenibile, oppure ricercare i programmi di rottamazione, simili a quelli per le auto, offerti da molti rivenditori, che si occuperanno poi di smantellare i dispositivi per riciclare i materiali, riducendo così anche l’impatto della produzione di nuovi smartphone.

Occhio alle onde elettromagnetiche

È ormai ampiamente dimostrato che l’esposizione costante, prolungata e ravvicinata alle onde elettromagnetiche emesse dai telefoni cellulari sia dannosa per la salute, specie se si inizia a usarli in giovane età. Per questo è consigliabile preferire messaggi audio e di testo a lunghe telefonate e, quando si usa il telefono per parlare, è meglio farlo con il vivavoce o con gli auricolari, piuttosto che tenendo il dispositivo attaccato all’orecchio.